Niente è come sembra.

Niente e’ come sembra. Niente e’ come appare.
C’è il filtro della nostra interpretazione.
Un po’ come una poesia o una canzone.
Chi la legge o chi la sente non sapra’ mai cosa in realta’ voleva dire chi l’ha creata.
Travisiamo la realta’ riempendola dei nostri desideri e dei nostri sogni.
Un esercizio di liberta’ e’ allontanarsi da noi per osservarci da lontano.
Vedrete il maratoneta arrancare dopo aver percorso pochi passi, vedrete il pittore che non riesce a tracciare una linea, vedrete Rocco Siffredi cercarsi l’uccello o Pamela Anderson chiedersi come mai le sue tette sono cosi’ minuscole.
Vedrete anche l’ignorante citare Socrate, o la puttana recitare un rosario, vedrete un mostro guardarsi soddisfatto allo specchio o una frigida urlare di piacere.
Abbiamo coltivato la consapevolezza come un monaco si prende cura del suo bonsai.
Poi improvvisamente ci siamo dimenticati di recidere i rami e il piccolo albero ha perso la sua identita’.
E’ diventato un cespuglio indefinito.
Che e’ successo al monaco?
Si e’ distratto guardando una signorina vestita con un abito di lino corto che passava ogni giorno sul fondo della valle.
L’ha vista passare velocemente e da lontano.
Quella lontananza mise in moto la fantasia.
E nulla e’ piu’ distraente della fantasia.
Nulla inganna di piu’ della lontananza.
Il monaco vide che il suo bonsai stava perdendo forma, ma non riusciva piu’ a concentrarsi.
Un giorno decise di scendere a valle per vedere da vicino quella signorina.
Si apposto’ dietro una roccia.
E alla solita ora eccola arrivare.
Non ci poteva credere.
Quella signorina era una vecchietta sbilenca, il suo abito di lino era un saio rattoppato e sulle gambe c’erano cespugli di peli.
La osservo’ fino a che non scomparve.
Poi risali’ la montagna.
Arrivato davanti al bonsai rimase qualche minuto pensieroso, cercava di ricordarsi la vecchia forma perduta del piccolo albero.
Non se la ricordava.
Ricomincio’ con cura a tagliare i rami.
E mentre procedeva a tagliare il pensiero scomparve e divenne chiara l’antica forma.
Si dedico’ tutto il giorno alla pianta, piccoli tagli, minuscoli aggiustamenti.
Alla sera si allontano’ di tre passi dal suo lavoro per osservarlo.
Il bonsai aveva ritrovato la forma dimenticata e il monaco aveva ritrovato se stesso.
La mattina dopo alla solita ora passo’ la ragazza con l’abito di lino.
Il monaco sapeva che non era una ragazza e l’abito non era di lino.
Ma decise di immaginarla cosi’ come quando la intuiva da lontano , poteva permetterselo perche’ sapeva che non sarebbe piu’ sceso a valle per guardarla da vicino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...