Mese: Luglio 2018

Tutte le foto che vuoi

Puoi mandarmi tutte le foto che vuoi. Le tue tette, il tuo culo, o nuda come un verme. Ma poi…. Quando ti chiedo di fotografarti il cervello, mi mandi la foto sfuocata di un orecchio. Funzionasse cosi’, sarebbe facile. Vederti mi piace. Ma alla… Continua a leggere “Tutte le foto che vuoi”

Quando si è nella merda

Quando si è nella merda si cerca di uscirne usando anche la fantasia. Accadde anni fa che non sapendo dove andare a sbattere per trovare qualche soldo provai a fare la statua di un lupo albino. L’avevo vista fare sulla terza strada di santa… Continua a leggere “Quando si è nella merda”

Cazzo, fica, culo e tette

Cazzo, fica, culo, tette. Ripetevo fra me e me, mentre mia madre mi teneva la manina e mi portava in giro per Genova. Avevo circa otto anni ed è questo il ricordo della mia prima trasgressione. Trasgressione silenziosa, una litania che sussurravo come una… Continua a leggere “Cazzo, fica, culo e tette”

Omologazione

Non fumo piu’. Sigarette intendo. Ed è da quando ho smesso che non scrivo piu’. Ma quando scrivo ne ho bisogno. Ecco un problema del cazzo. Ieri sera in negozio c’era un pienone di saggi sbandati, pseudo artisti di strada che ti raccontano la… Continua a leggere “Omologazione”

Nella città di Buffalo Bill

Nella città di Buffalo Bill c’era solo un vecchio Motel che aveva una stanza libera. Era su quattro piani, e la mia stanza era naturalmente al quarto. Scale, valigie e bestemmie unite ad un tramonto che portava all’orizzonte minacce di tempesta. Prima di andare… Continua a leggere “Nella città di Buffalo Bill”

Facciamo finta che io ti ami

Facciamo finta che io ti ami. Come sarebbe la nostra vita? Imprigionata in questo amore che non prevede invasioni, io e te seduti a tavola a chiederci le solite cose. Te che mi chiedi dove ho messo il sale io che non uso più… Continua a leggere “Facciamo finta che io ti ami”

La macchina

Se si diventa consapevoli della macchina che siamo diventa molto piu’ difficile animarsi, nel senso di darsi un anima che ci conceda una speranza di vita eterna. Quando ti ritrovi davanti alla coppa del cesso e svuoti la tua vescica è molto meglio fare… Continua a leggere “La macchina”

Giornata di merda

Giornata di merda. E lei risponde che fa parte della vita. Aspetta che lo ridico. Giornata di merda. E lei con quel sorriso papale mi spiega che gli alti e bassi fanno parte della vita.
 Cazzo…. Tanto vale uscire a comprarsi un cartone di… Continua a leggere “Giornata di merda”

Sydney

Sydney Sappiamo tutto, basta restare fermi un attimo ed ascoltare, arriverà la verità, urlata nelle orecchie, chiara, limpida come il cielo che stanotte si apriva su Bondi Beach. Sappiamo dove stiamo sbagliando, sappiamo quali illusioni stiamo inseguendo, sappiamo quando ne usciremo sconfitti o quando… Continua a leggere “Sydney”

L’eleganza del dolore

L’eleganza del dolore, quando indossa un abito dimesso che non si fa notare. Cammina per la strada con passo incerto senza cercare lo sguardo di nessuno, guardando davanti a se per non cadere, passo dopo passo con la paura di non arrivare. Arrivare dove?… Continua a leggere “L’eleganza del dolore”