Uno stronzo

A parte le inculate che ci tirano i pubblicitari promettendo cose insensate, a parte il fatto che mi preoccupa leggere che la Red Bull stimola spirito e corpo.
A parte il fatto che anche avendo l’auto in panne se fossi accompagnato da una figa come quella prima penserei a trombarmela poi a controllare il motore.
A parte lo scandalo che usano la canzone I’m easy come colonna sonora del MonChery.
A parte il fatto che ho dovuto cambiare idea e non potro’ piu’ chiamare mia figlia Alice.
Il nome ormai mi ricorda la Tim e ci sono poche cose che odio piu’ delle compagnie telefoniche.
A parte la circostanza per cui ci troviamo a vivere in un mondo diviso in due, da una parte chi cerca di convincerti che quel prodotto è una favola, e dall’altra coloro che dicono che la favola ormai è solo un prodotto.
Vorrei annegare per trenta secondi in una vasca da idromassaggio come faceva Bukoswky prima di imbarcarsi in qualche scommessa.
Vorrei scontrarmi con una donna che si guarda intorno chiedendosi: “Ma dove cazzo sono?”.
Ho preso in cascina un libro di Ungaretti.
“Vita di un uomo”.
Lo leggo a caso, come se giocassi a mosca cieca, come se potessi scegliere le parole, slegarle dalla pagina e incollarle nel quaderno da mille pagine che tengo dietro gli occhi.
Poi faccio partire YouTube e ascolto Whitney Houston cantare l’inno americano, e mi alzo in piedi, mano sul cuore, e giuro che se non mi trattenessi potrei anche piangere.
Gesu’ aveva un fratello.
Perché nessuno lo caga.
Non so perché mi sia venuto in mente questo fatto.
Forse perché questa scomparsa può spiegare meglio di qualsiasi spiegazione l’importanza di un buon ufficio stampa.
Se avessi un buon ufficio stampa potrei permettermi di mandare vaffanculo tutti quelli che mi stanno sui coglioni, magari facendo un bel elenco e vederlo pubblicato sulla terza pagina del Corriere.
Non c’è da preoccuparsi, anche se li mandassi vaffanculo, i nominati sarebbero comunque contenti.
Non tutti hanno l’onore della terza pagina.
Il mondo è una palla, qualcuno direbbe una palla di merda, qualcun altro direbbe che è di cioccolato.
Non esiste la risposta esatta.
Esiste solo la risposta che ti fa vincere al quiz serale, incassare il tuo milione, riconquistare tua moglie, far felice l’amante, e permetterti quel sogno che non pensavi di poter mai esaudire:
Avere il coraggio di essere te stesso.
Cioè uno stronzo.
G.P.
Photo by Guido Prussia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...