The Great Gig in the Sky

Ascoltando The Great Gig In The Sky seduto su una collinetta di un merdoso parco cittadino mi viene in mente come l’uomo sia miseramente capace di adattarsi. Trasformiamo vasche da bagno in oceani e crisi di solitudine in disperate ricerche d’amore. Aspiriamo catrame e beviamo alcool come se la macchina che ci tiene in vita non ci appartenesse. Di tutta la grandezza a cui aspiriamo da bambini non rimane che un adulto schiavo di una connessione e di un orgasmo. La vita è grandiosa, colui che vive e’ spesso un microrganismo ridotto alle funzioni essenziali. Ascoltando i Pink Floyd su una collinetta di merda di un merdoso parco cittadino non mi resta che chiudere gli occhi e concentrarmi sulla musica immaginando che tutto il resto sia vero.
Guido Prussia

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: