Un occhio aperto e un occhio chiuso

Un occhio aperto e un occhio chiuso.Quello chiuso serra la porta del sogno, quello aperto perlustra la realtà.
Tre metri quadri di giardino invasi dalle lucertole, la stanza delle cose dimenticate, non ho mai vinto nulla e tu sei circondata da trofei.
Passai accanto al benzinaio a 48 chilometri da Blythe dandoti la buonanotte senza sapere chi eri.
E poi parole, montagne di parole, che sembravano buttate a caso e che improvvisamente prendono forma.Un castello in mezzo a una pianura sterminata, tu attaccata alla fune che chiami libertà e che ti tiene in salvo sospesa a 20 centimetri da terra, e io che ho scelto di osservarti senza toccarti per la paura che le tue ali perdessero la polvere magica che ti permette di volare.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: