Camera d’albergo

La camera d’albergo è per sua natura disinibita, prova sentimenti fragili e il suo aspetto tradisce solitudine e smarrimento.
E’ certamente superficiale, non per sua indole ma per scelta, sa che legarsi troppo a un ospite renderà piu’ triste l’addio.
A volte è trionfalmente squallida, a volte è squallidamente trionfale.
La arredano ricordi sbiaditi come fogli di giornale lasciati al sole, e parole d’amore volanti dette prima di addormentarsi che nel tentativo di fuggire hanno sbattuto contro le tende trasformandole in un giardino fiorito.
Guido Prussia
Foto di Sabina Bologna

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: