I gatti hanno nove vite

I gatti hanno nove vite.
Gli uomini e le donne molte di più.
Quale vita stai vivendo?
Cosa è rimasto di te bambino o bambina?
E di quello che sognavi?
Quanti amori hanno vissuto un “per sempre” effimero?
E delle tue ribellioni cosa è rimasto?
Sei passato dai calzoni corti alla camicia bianca, dai baci notturni in macchina alla serate davanti alla televisione, hai ucciso il tuo animo rivoluzionario per riscuotere una taglia mensile che ti permette una sopravvivenza borghese.
Sei stata bambina che giocava con le bambole, adolescente che giocava con l’amore e donna adulta perfetta nel ruolo di moglie e madre.
Sei stato un ragazzino che si rotolava nel fango e ti sei trasformato in un uomo profumato e stirato.
Il tempo si diverte ad uccidere e a far rinascere in contraddizione con ciò che si era nell’illusione di una coerenza anagrafica che altro non è che una resa condizionata al desiderio popolare di vederci ruote dentate perfettamente integrate al meccanismo di una società rassicurante nella sua capacità di addomesticare gli spiriti ribelli.
Poi esistono quelli che non hanno questo dono.
Quelli che di vite ne hanno solo una.
Costretti a tenersela stretta nella consapevolezza che non avranno altre alternative.
Ci riconosci perché ci piace ancora giocare, a volte ci sdraiamo sul tappeto e guardiamo il soffitto come se fosse un cielo, e pensiamo che valga ancora la pena credere che qualcosa si possa cambiare, siamo eternamente fermi nella convinzione che nulla sia definitivo e facciamo fatica a promettere che sarà “per sempre” perchè dubitiamo del futuro.
Accendiamo le luci di natale i primi di Novembre per farle durare di più e a volte comperiamo bustine di figurine per il gusto di risentirne l’odore.
E amiamo come amavamo da ragazzini osservandola ancora come l’esploratore osserva una terra promessa senza lo sguardo malizioso di chi ne pregusta l’uso ma con gli occhi ammirati di chi ne desidera lo sfioro impercettibile e casuale che fa venire i brividi.
A voi il regalo di innumerevoli vite a noi il dono di una istintiva volontà di non dare al tempo la capacità di plasmarci.
Voi siete partiti soldati e ambite a diventare generali, noi da sempre siamo piccoli capitani Achab che non smetteranno mai di solcare gli oceani a caccia di Moby Dick.

Se ti vedo con quelle scarpe mi incazzo

Il vecchio vide passare un uomo che indossava delle scarpe Hogan e disse a suo nipote: “Se ti vedo con quello scarpe mi incazzo.”
Il nipote disse al vecchio che non era giusto giudicare, ed era ancora più ingiusto giudicare un uomo per le scarpe che indossava,
Il vecchio fissò il nipote negli occhi e le disse: “Io ho combattuto per avere la libertà di giudicare, ho studiato per avere l’arroganza di giudicare, ho letto mille libri per crearmi opinioni e poterle esprimere. Non sono un giudice, non emetto sentenze, il mio giudizio non produce pene o condanne ma è il mio strumento per decidere chi è affine ai miei ideali e alla mia vita. Un uomo non si giudica dalle scarpe se le scarpe che indossa sono le uniche che può permettersi ma se potendo scegliere decide di comperare un paio di Hogan a me basta per escluderlo dalla mia tribù. Imparerai vivendo che in questo mondo di opportunità infinite l’unico modo che hai per capire una persona è osservare le scelte che fa, anche quelle piccole scelte che ti sembrano insignificanti. E chi compra quelle scarpe con quella enorme e pacchiana H stampata sul lato per me è un coglione.”
Il nipote disse al nonno: E quali scarpe dovrei indossare io?
Quelle che ti piacciono, disse il nonno, basta che sia tu a indossare loro e non loro a indossare te.
Poi il nonno chiese al nipote di dire una cosa che non gli piaceva di lui.
Il nipote ci pensò un attimo e poi disse: “Non mi piace che fumi.”
Il nonno lo guardò, sorrise e disse: “Hai ragione, sono un coglione a fumare.”
“Non ti arrabbi se te l’ho detto?” Chiese il nipote.
“Mi sarei arrabbiato mille volte di più se non me l’avessi detto. E’ che provo a smettere da 40 anni e non ci riesco, ma sai che ti dico, ci proverò ancora. E grazie.”
Si incamminarono verso casa, il vecchio si sentiva più giovane, erano anni che nessuno lo rimproverava e la cosa gli procurò un infantile piacere, il nipote si sentiva più grande, era riuscito a dire al nonno quello che non aveva mai avuto il coraggio di dirgli.
Andavano mano nella mano sentendosi più vicini nella consapevolezza che l’età non creava più distanza tra di loro e da quel giorno avrebbero potuto giudicarsi senza la paura di sentirsi colpevoli delle loro opinioni.
P.S. Ringrazio Monica per avermi chiarito che le Hogan grazie ai tacchi interni ed esterni rialzano di 10 cm. (In verticale e non in orizzontale) Ecco spiegato il mistero sul perchè alcuni uomini le comprano.

Il mio amico è un elefante

Il mio amico è un elefante.
E nonostante sia più piccolo di me rimane un elefante e non posso fare a meno di sentirmi minuscolo di fronte a lui.
Perchè a dispetto dalla grandezza il suo animo è gigantesco e la sua memoria smisurata.
A lui chiedo di ricordare ciò che scordo e di portare i pesi che non riesco a sopportare.
Lui sorride e barrisce per dimostrami amicizia, mi porge la proboscide in segno di affetto e prima di andare a dormire si pulisce le zanne sull’angolo del letto.
Ha la saggezza che mi manca e mi indica con lo sguardo la strada giusta per arrivare al suo cuore.
Mi soccorre se mi trovo in difficoltà e a volte mi accarezza come fosse la mamma che ho perso.
Ho un amico elefante che ogni sera mi dice che non importa quanto io sia piccino fuori ma conta quanto sia grande dentro.
E se mi viene voglia di scappare lui sa sempre dove si trovi il buco nella rete ma prima di vedermi andare mi si avvicina all’orecchio e mi dice: ricordati che il difficile non è scappare ma il dover tornare.
Allora cerco il mio cuscino, lo metto di fianco a lui e mi metto a dormire tranquillizzato dal suo sentirlo respirare.

Ogni capitolo un animale

la mia vita è divisa in capitoli, ed ogni capitolo ha il nome di un animale
ripercorro gli anni pensando a chi li ha trascorsi accanto a me e non si tratta di donne ma di cani
compagni di viaggio a cui non bisogna chiedere fedeltà e amore, loro amano e sono fedeli per natura
probabilmente ho un cuore arido verso i bipedi e riservo tutta la mia tenerezza allo sguardo puro di un cane
ne ho visti di amori romantici partire in quarta e fermarsi di fronte alla prima salita incapaci di ingranare la prima
ma ho affrontato tristezze e delusioni stringendomi al petto baby o jackson che senza dire una parola sapevano come farmi sentire meno solo
mi manca la fiducia nei miei simili e ho chiesto asilo nel mondo delle bestie
il mio essere selvatico mi tiene lontano dai compromessi e mi conduce su strade solitarie lontano dalle trappole di chi va a caccia di prede per nutrire la sua fame di sentimenti
non so se è una cosa di cui andar fieri, non so nemmeno se questo serva a rendermi felice,
ma so con certezza che se riuscirò ad amare non sarà mai per le sue parole ma per i suoi silenzi
non sarà mai per le sue promesse ma per le sue incertezze
non sarà mai per le sue carezze ma per i suoi morsi dati per giocare e non per far male

L’amore è incompreso

L’amore è incompreso.
Lo chiamano amore ma spesso è solo un malinteso.
L’amore è un altra cosa.
Per capire cosa sia bisogna ritornare a quei desideri infantili di sicurezza, comprensione, affetto, gioco e protezione.
L’amore per davvero è l’unico sentimento che rimane adolescente mentre tutto intorno a noi si lascia corrompere dal tempo e dalle promesse mai mantenute.
E’ il filo invisibile che tiene legato alla roccia il nostro desiderio di felicità in bilico sul precipizio di una cinica consapevolezza.
L’amore è una indefinibile attesa di qualcosa di vero senza cedere alla tentazione di accontentarsi di un imitazione per la paura di rimanere soli.
C’è più passione nell’attesa solitaria di un amore vero che in tutti i compromessi sentimentali che i conformisti accettano per esibire il loro successo sociale.

Ero una bambina che camminava nella neve scalza.

Ero una bambina che camminava nella neve scalza.
Cercavo il fiore che resisteva al freddo.
I miei piccoli piedi lasciavano orme di daino.
Le mie mani accovacciate nelle tasche cercavano piccoli sassi raccolti lungo la strada.
Li facevo rotolare tra le dita godendo della concretezza della pietra.
Nella casa le luci erano spente.
Sotto l’albero i rami avevano lasciato una macchia scura di foglie cadute, mi sedetti e appoggiai la testa alla vecchia corteccia.
Pensai al tempo che si concedeva l’illusione di un fermo immagine per permettere al mondo di imbiancarsi.
Ed io, alta come una pianta di rose, mi guardavo fiorire ascoltando il mio profumo fuggirmi dalla pelle per raggiungere il naso di un alce che fermandosi di fronte ai miei petali di ghiaccio mi alitò addosso il desiderio di essere amata.

Fu un infanzia bizzarra.

Fu un infanzia bizzarra.
I bambini imparano la paura col buio, con la favola del lupo o con il mistero del bosco e si rifugiano nelle braccia del padre.
Io avevo paura di mio padre e trovavo sollievo nel buio, nell’idea di essere parte di un branco protettivo di lupi o scappando nel bosco.
Era una prospettiva completamente diversa che mi faceva sentire strano.
Quando i miei compagni di scuola smisero di credere a Babbo natale io continuai a predicarne l’esistenza al costo di inventarmi di averlo spiato una notte mentre poneva i regali sotto l’albero.
Non ero stupido, sapevo che non esisteva ma non potevo sopportare lo svanire di una favola per avere in cambio una realtà fredda e incapace di far volare la mia fantasia.
Costruivo una tenda con le lenzuola fissandole alla spalliera del letto e mi nascondevo dal polverone delle parole dei grandi costruendomi un mondo protetto popolato da una tribù di personaggi fantastici con i quali parlavo raccontando la mia voglia di scappare.
La fuga è stata la mia ossessione di bambino.
La pianificavo sui banchi di scuola, il migliori orario per scappare, dove andare e come sopravvivere.
Mi scontravo sempre con la difficoltà nel gestire la mia condizione di bambino con la mia voglia di libertà.
Quanto ci avrebbero messo a trovarmi?
Chi non avrebbe notato un bambino vagare da solo per la città?
Che scuse avrei potuto inventare per giustificare la mia mancanza da scuola?
Ero in un vicolo cieco, spalle al muro.
Imprigionato in una età fragile e paradossalmente costretto a sopportare la noncuranza di chi avrebbe dovuto proteggermi.
Imparai a contare il tempo facendo esercizio sui giorni che mi separavano dal diventare grande.
Pensavo che a 10 anni sarei stato pronto ad affrontare il mondo da solo.
Ma a 10 anni dovetti arrendermi all’evidenza che era ancora troppo presto.
A 15 anni feci la mia prima fuga.
Me ne andai non sapendo dove andare.
Ma ricordo come fosse ora quella sensazione di libertà che mi invase il corpo e l’anima.
Fu come ritrovarsi di fronte alla scoperta di un filone di smeraldi dopo aver scavato per anni una miniera senza trovare nulla.
Assomigliavo a un inconsapevole marinaio che avesse scoperto il mare e mi resi conto che la libertà poteva rendermi schiavo del suo potere.
Tornai e scappai di nuovo tante di quelle volte che ne persi il conto al punto da avere il dubbio che ogni ritorno a casa non fosse altro che il cercare una nuova motivazione per fuggire.
Poi arrivò la libertà.
O quella che gli uomini chiamano libertà.
Un lavoro, dei soldi, una casa mia e un futuro rassicurante.
Durò qualche anno fino a che non sentii la frustrazione di essere prigioniero di una libertà convenzionale e condizionata adatta ad addomesticare gli uomini e a tenerne a freno gli istinti.
Mi ritrovai adulto e nuovamente prigioniero come un bambino nel grembo di un sistema di regole che dettano il percorso e ti precludono ogni genere di deviazione.
Soldato semplice di fronte a un Generale che senza spiegarti il perchè ti ordina di combattere per vincere una guerra di cui non te ne frega un cazzo.
E scappai di nuovo.
Questa volta senza nessuno che mi venisse a cercare.
Scappai da una porta aperta e mi inoltrai nell’incertezza di un mondo che ignora i fuggitivi troppo impegnato nel prendersi cura dei suoi prigionieri.
Oggi nulla è cambiato.
Sono ancora in fuga, ho attraversato il tempo cercando un rifugio dove fermarmi ed ogni volta che pensavo di averlo trovato ho fatto i conti con la noia e con l’istinto predatore che mi porta ad azzannare al collo la vita.
Non importa come andrà a finire, sono ancora in divenire e tutto quello che conta è lo scorrere del sangue nelle vene che si fa più impetuoso quando durante il viaggio non ci sono strade da seguire ma solo orizzonti verso cui cavalcare.

Siediti qui

Siediti qui, accanto a me che ne parliamo. Continui a chiederti il perchè? Come se ti dovessi fare un elenco di tutto quello che mi piace di te. Te lo spiego come se fossi una bambina.
La mia vita senza di te sarebbe un occhiale senza lenti.
Un mare senza sale. Un sole che non scalda o pioggia che non bagna. Sarebbe una caramella salata o un natale senza albero. La mia vita senza di te sarebbe una pipa senza tabacco o un lupo senza denti.
Ora ridi eh.
Mi piace quando ridi.
Però dovresti smetterla di farti domande. Fondamentalmente tu sei la mia rock star preferita. Sei la mia Lady Oscar. Non sai chi è Lady Oscar? Normale. Forse non eri nemmeno nata. Vuoi un caffè? Stai li che te lo preparo.
Dove eravamo rimasti. Ah già, a Lady Oscar. Sei andata a vedere su Google? Guarda che sei una maschiaccia anche tu. Ma a me piaci così. A parte questo dovresti smetterla di pensare che non ce la fai. Non voglio dire che ce la puoi sempre fare, Accade di non farcela. A me è accaduto mille volte. Prima di te ho sbagliato mille volte. Quando cerchi qualcosa con tutto il cuore capita che vuoi illuderti di averla trovata. No, non vale per te. Tu sei quella che cercavo. Come faccio ad esserne sicuro? Guarda come bevi il caffè. Tieni la tazzina come se potesse farsi male se la stringi troppo. E come guardi lo zucchero sciogliersi. E giri il cucchiaino senza toccare i bordi e poi lo succhi. Sono le piccole cose che mi fanno sentire sicuro. Sai che dormi rannicchiata come se dovessi proteggerti, e quando ti svegli ti stiri che sembri voler toccare il soffitto con le tue mani. E quando fai la doccia lasci le impronte dei tuoi piedi in giro per tutta la casa e io me le guardo fino a che non si asciugano come se indicassero la strada verso il paradiso. Hai ragione io non credo al paradiso ma se dovessi disegnarlo di fronte alla sua porta disegnerei le impronte bagnate dei tuoi piedi. Ora andiamo a dormire. Il caffè ti ha fatto passare il sonno? Allora ci guardiamo un film, ho una marea di film che voglio vedere con te e poi mi dici che ne pensi. Basta che non siano film che finiscano male, quelli non riesco più a vederli. Tu però smettila di preoccuparti. Smettila di chiederti quanto durerà. Non sono un cibo, non ho scadenze, sono un uomo e tutto quello che so è che vorrei durasse il più a lungo possibile. Non farti prendere dalla paranoia che tutto finisce. Dammi un bacio. Lo vedi anche questo bacio è finito. Ma se andiamo a letto ne ho altri mille da darti. Ne ho così tanti da darti che alla fine ti convincerai che la fine di uno è solo l’inizio di un altro. Dai svestiti e andiamo sotto le coperte. Non farti domande che non possono avere risposta, chiediti solo se sei felice e se la risposta è che sei felice devi sapere che se lo sei te lo sono anche io.

Minuscoli desideri per occhi enormi.

Minuscoli desideri per occhi enormi.
Ci deve essere un filo nell’aria che unisce il mio sguardo al tuo
Sul filo cammina un trapezista che passa da me a te
Barcollando senza rete di protezione sul vuoto.
La tua orma sulle foglie autunnali durerà quanto vuole il vento
La guardo catturandola prima che scompaia
Nell’indifferenza cinica del tempo
Che ha costruito un muro infrangibile di vetro trasparente
Tra me e te
E ci guarda guardarci
Per il gusto di scoprire chi avrà per primo
La forza di prenderlo a pugni.
Tutto questo mentre nel campo delle lucciole
Tu mi hai detto di posare il barattolo di vetro
Non ha senso catturare le luce
Quando puoi vederla volare libera.

Imparare a camminare.

Imparare a stare da soli è come imparare a camminare.
Prima ti appoggi a qualcosa, poi, poco a poco, abbandoni l’appoggio e cominci a fare brevi distanze dondolando come una nave nella tempesta.
Cadi.
Conosci il dolore.
Ti rialzi.
Cadi.
Conosci il dolore.
Ti rialzi.
E poi non cadi più.
Qualunque sia il punto di arrivo tu sai che ce la puoi fare ad arrivare
Durante il viaggio incontri persone, trovi amori, qualcuna prova a fermarti, altri ti porgono un appoggio, tu porgi il braccio per fare qualche passo insieme, scambi quattro chiacchiere, giusto il tempo di chiederti se durerà per sempre per poi scoprire che per sempre non esiste.
Ti rinchiudi nella tua esistenza come uno di quei ricci che tornando a casa in campagna di notte trovavo sul bordo della strada.
Lo raccoglievo e lui si chiudeva diventando una fortezza inespugnabile.
Il segreto era appoggiarlo con dolcezza sul palmo della mano e salvarlo portandolo dentro il bosco.
Una volta appoggiato restavo li a guardare fino a che non si riapriva, spuntavano i suoi occhietti che si guardavano un attimo intorno prima di fuggire.
L’avrebbe mai capito che aveva cercato di difendersi da chi voleva solo salvargli la vita?
Imparare a stare da soli è come imparare ad andare in bicicletta, come imparare a sciare.
Una volta che hai imparato non lo scordi mai più.
O forse si.
Forse esistono da qualche parte persone capaci di farti riprovare l’estasi del bambino barcollante che mentre sta per cadere trova un dito da afferrare con la sua piccola mano e alzando lo sguardo verso il cielo crede, per un attimo crede, che quel dito sarà li per sempre.