La consapevolezza è la mia unica virtù.

Non c’entra il giorno, ne l’ora ne il luogo, c’è solo una solitudina scelta, la voglia di starsene soli guardandosi dentro, infilando gli occhi nelle vene, e far scorrere lo sguardo all’interno del corpo, da cuore a cuore attraverso ogni organo interno.
Scoprirsi così mortale e debole da non sentire più alcuna responsabilità.
Il mondo è colonizzato, il popolo si riversa nelle strade felice di non aver responsabilità legate ad ideali scomodi.
Sono tutti così certi che i buoni siano quelli con la faccia da buoni ed i cattivi quelli con la faccia cattiva.
Sono così certi che non serve lottare, non serve sollevare il velo, basta fidarsi.
Dio esiste, fidatevi.
I politici lavorano per il vostro bene, fidatevi.
Gli industriali fanno studi per rendere la vostra vita più semplice, fidatevi.
I rivoluzionari conoscono ricette migliori e più democratiche, fidatevi.
Al telegiornale hanno detto…., fidatevi.
Quel giornalista ama sua moglie ed i suoi cani, fidatevi.
La droga viene dal basso, fidatevi.
I soldi comprano tutto, fidatevi.
L’uomo e la donna si amano, fidatevi.
I giovani sono il futuro, fidatevi.
Quel detersivo è una bomba, fidatevi.
Il comunismo è morto, fidatevi.
Il fascismo è morto, fidatevi.
Cos’altro…..mille altre cose e voi fidatevi sempre.
Io, rimango seduto quà, in questo bar, faccio finta di scrivere qualcosa su un pezzo di carta per far credere che ho storie da raccontare.
So che tra poco uscirò, la mia spalla sbatterà contro la spalla di qualche altro umano, in questo mondo super affollato.
E stanno apparentemente tutti bene, in sovrappeso, facendo programmi per il domani.
Chiusi nelle loro stanze riscaldate, guardando distrattamente quello che succede fuori.
Non serve cercare di cambiare il mondo, non serve a nulla impazzire dietro la speranza impossibile che ci sia una stanza riscaldata per tutti.
La consapevolezza è la mia unica virtù.
Sono il bullone mal stretto di un motore che funziona lo stesso perfettamente.
Sorrido, allegro nonostante tutto, il gioco della vita non ha regole, ed è assai improbabile che qualcuno trovi il sistema per stringere questo bullone spanato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...