Tag: milano

Tu credi?

-Tu credi alla vita eterna?- -Dipende da che cosa intendi tu per vita.- -Intendo la coscienza di me. L’avro’ per sempre?- -Tu vuoi sapere se continuerai a trasformare il tempo in ricordi e i ricordi in personalità.- -Esatto.- -Chi costruisce castelli di carta dovrebbe… Continue Reading “Tu credi?”

Parliamo un po’ dell’amore

Parliamo un po’ dell’amore. L’amore che porta a nascondersi per la paura che rivelando chi siamo forse non verremmo piu’ amati. Quel sentimento che una volta finita la voglia di fare l’amore non ha il coraggio di cambiare nome. Prima di chiudere la luce… Continue Reading “Parliamo un po’ dell’amore”

Il giorno prima

Il giorno prima di partire siamo usciti con l’intenzione di non tornare a casa, andare direttamente all’aeroporto e poi dormire in aereo.

La mitica assenza

La mitica assenza del tutto, in un pieno di cose che non c’era lo spazio per nulla e poi l’abisso che cadendo rovina su se stesso. All’inizio non si sapeva cosa ci fosse stato prima. Prima dello zero. Ora il pieno si diffonde Nella… Continue Reading “La mitica assenza”

In chi crede chi crede in Dio?

Una gentile anziana signora che abita nella casa di fronte esce dalla chiesa con un ramo di ulivo in mano. Mi incrocia e mi chiede come mai io non avessi il mio ramo d’ulivo. E prima che potessi rispondere mi dice: Dopo passo e… Continue Reading “In chi crede chi crede in Dio?”

La vorrei cosi’

La vorrei cosi’ stupida da non avere certezze. La vorrei cosi’ stupida da non sentire alcuna appartenenza incapace di fare qualcosa per piacere ma capace di far tutto per il piacere. La vorrei cosi’ stupida da non riuscire a finire un libro di merda… Continue Reading “La vorrei cosi’”

Mi sposai

Mi sposai. Non in comune o in una chiesa ma su una spiaggia Californiana. Come testimoni c’erano Baby e Jack. E il prete era una donna. Certo sembrava una cosa fatta cosi’. L’anello l’abbiamo comperato il giorno prima di corsa, i vestiti erano stati… Continue Reading “Mi sposai”

Da piccoli

Da piccoli si hanno le idee chiare, si sa perfettamente con quale bambina si vorrebbe passare il resto della propria vita. Nessun dubbio. A me piaceva quella del primo banco centrale, si chiamava Cinzia e cercai di conquistarla condividendo con lei il panino della… Continue Reading “Da piccoli”

Quanta verità riesci a sopportare?

L’anziano guardò negli occhi il bambino e gli disse: “Quanta verità riesci a sopportare?” Il bambino abbassò lo sguardo e rispose: “Non lo so.” Lui prese una pietra da terra e gliela mise in mano. “Pesa?” gli chiese. “No.” Rispose. Prese la pietra e… Continue Reading “Quanta verità riesci a sopportare?”

Camera d’albergo

La camera d’albergo è per sua natura disinibita, prova sentimenti fragili e il suo aspetto tradisce solitudine e smarrimento. E’ certamente superficiale, non per sua indole ma per scelta, sa che legarsi troppo a un ospite renderà piu’ triste l’addio. A volte è trionfalmente… Continue Reading “Camera d’albergo”