Tag: viaggi

Kodak

Chissà da quanto tempo Kodak stava li immobile in quella vetrina sui Navigli aspettando che qualcuno lo comperasse. Io ci sono passato davanti in bicicletta tutto l’inverno e ogni volta mi giravo velocemente a dargli un occhiata. Era solo curiosità e il tentativo di… Continue Reading “Kodak”

Gente strana gli aborigeni.

Gente strana gli aborigeni. Credo siano le persone piu’ scoglionate che abbia mai incontrato. Quello che sono oggi è il resto in spiccioli del tesoro che erano prima. Hanno un senso della puntualità praticamente nullo. Molto meglio darsi un appuntamento verso l’alba o verso… Continue Reading “Gente strana gli aborigeni.”

Tu credi?

-Tu credi alla vita eterna?- -Dipende da che cosa intendi tu per vita.- -Intendo la coscienza di me. L’avro’ per sempre?- -Tu vuoi sapere se continuerai a trasformare il tempo in ricordi e i ricordi in personalità.- -Esatto.- -Chi costruisce castelli di carta dovrebbe… Continue Reading “Tu credi?”

Parliamo un po’ dell’amore

Parliamo un po’ dell’amore. L’amore che porta a nascondersi per la paura che rivelando chi siamo forse non verremmo piu’ amati. Quel sentimento che una volta finita la voglia di fare l’amore non ha il coraggio di cambiare nome. Prima di chiudere la luce… Continue Reading “Parliamo un po’ dell’amore”

Il giorno prima

Il giorno prima di partire siamo usciti con l’intenzione di non tornare a casa, andare direttamente all’aeroporto e poi dormire in aereo.

Scrivere

Scrivere Mi serve per esorcizzare Il dolore Alcool sulla ferita Soffio sul taglio Staccare la crosta Dura sulla pelle Per allargare la cicatrice. Devo scrivere Come se sputassi il sangue rappreso Come se avessi un cattivo sapore in bocca Devo scrivere per eliminare le… Continue Reading “Scrivere”

Metal Box

(il passato spunta da una scatola in metallo vintage come un pagliaccio a molla che non resiste al giro di manovella, e tu non puoi farci nulla se non sorridere) Esiste un momento sospeso nel vuoto, un attimo di tempo che cammina sul filo… Continue Reading “Metal Box”

Message in a bottle

L’ultima bottiglia prevede che se ne abbia una cura particolare. E dopo averla bevuta potremmo usarla per spedire un messaggio. Potremmo spiegare le nostre coordinate sperando di essere salvati. Potremmo scrivere coordinate false per evitare che qualcuno scopra la nostra isola. Potremmo tracciare una… Continue Reading “Message in a bottle”

La mitica assenza

La mitica assenza del tutto, in un pieno di cose che non c’era lo spazio per nulla e poi l’abisso che cadendo rovina su se stesso. All’inizio non si sapeva cosa ci fosse stato prima. Prima dello zero. Ora il pieno si diffonde Nella… Continue Reading “La mitica assenza”

1980

Volavo sotto le gradinate del palasport la sera del 17 Dicembre 1980 mentre Francesco Guccini cantava l’avvelenata e io trovai il coraggio di baciarti per la prima volta. Eri la mia prima ragazza. Non sapevo nulla, ero cosi’ ignorante che la prima volta che… Continue Reading “1980”